Residenza maltese

Malta è il posto ideale dove scegliere di trasferire la propria residenza. Oltre al clima piacevole, un ambiente sicuro e una popolazione ospitale di lingua inglese, essa offre una vasta gamma di benefici per le persone che decidono di prendere residenza sull’isola, dato il suo regime fiscale vantaggioso e il suo competitivo costo della vita.

Qualsiasi cittadino UE/SEE/svizzero o di un altro paese che risiede a Malta per più di tre mesi, ha bisogno di un permesso da parte delle autorità d’immigrazione, che viene concesso per motivi specifici, alcuni dei quali sono elencati di seguito.

RESIDENZA ORDINARIA

Per ottenere la residenza ordinaria a Malta la persona deve vivere fisicamente sull’isola per un periodo di sei mesi o più. Il trasferimento della propria residenza da una giurisdizione con tasse elevate a un paese estero con una pressione fiscale più bassa è disponibile per i cittadini dell’UE/SEE/Svizzera che per quelli non UE/SEE/Svizzera. Non vi è alcun limite minimo di valore di proprietà richiesto per i non residenti che cercano di ottenere la residenza ordinaria a Malta, salvo che non vi sia la necessità di un permesso per l’acquisto di beni immobili (Acquisition of Immovable Property – AIP), che è richiesto in circostanze specifiche.

I criteri per la qualificazione, che variano a seconda che la persona che cerca di ottenere la residenza a Malta sia un cittadino UE/SEE/svizzero o di paesi terzi, possono essere facilmente soddisfatti, rendendo così il raggiungimento della residenza ordinaria maltese ancora più attraente.

Cittadini UE/SEE/svizzeri

Ci sono diversi motivi per i quali i cittadini UE/SEE/svizzeri possono diventare residenti ordinari a Malta, tra cui l’autosufficienza economica, per lavoro, per studio o per l’apertura di un’impresa, di questi, i più popolari s’illustrano qui di seguito.

(1) Autosufficienza economica

Questo criterio richiede che queste persone dimostrino di essere in grado di provvedere a se stessi e a ogni persona a carico che gli accompagna poiché sono finanziariamente stabili e non hanno bisogno di alcun sostegno finanziario da parte del governo maltese. Le soglie richieste in corso per i cittadini UE/SEE/svizzeri sono fissate a un capitale minimo di € 14.000 o un reddito settimanale di € 92,32 per le persone single, e ad un capitale di almeno € 23.300 o un reddito settimanale di € 108,63 per le coppie sposate. Inoltre, è richiesto un supplemento di € 8,15 per ogni dipendente aggiunto.

(2) Impiego

Un secondo motivo per cui i cittadini UE/SEE/svizzeri possono ottenere la residenza ordinaria a Malta, è l’impiego. Quindi, un individuo deve accettare offerte di lavoro o di cercare un lavoro a Malta, lavorare a Malta come dipendente o come lavoratore autonomo. In alternativa, un individuo può scegliere di costituire un’impresa a Malta e lavorare per la sua attività in proprio.

(3) Studio

La residenza temporanea è concessa per l’intero periodo d’istruzione per gli studenti di ogni scuola privata, College, o presso l’Università di Malta. Se lo studente è minorenne, il suo tutore legale può richiedere la residenza a Malta per accompagnare lui o lei. Tale persona deve confermare che lui o lei è titolare di reddito stabile e regolare e ha un luogo adatto per vivere.

(4) Membri della famiglia

Ai familiari UE/SEE/svizzeri o non UE/SEE/svizzeri di un cittadino UE/SEE/svizzero è concesso di accompagnare il richiedente, tuttavia, i suoi familiari e il suo/la sua partner, non hanno il diritto automatico di vivere a Malta. Detti familiari e partner devono dimostrare che sono a carico del richiedente. Inoltre, il partner deve dimostrare che la loro relazione è stata stabile e durevole durante gli ultimi due anni.

(5) Residenza permanente per i cittadini UE/SEE/svizzeri

I cittadini UE/SEE/svizzeri possono chiedere per se stessi e per i loro familiari la residenza permanente dopo aver vissuto legalmente per un periodo continuo di cinque anni a Malta. Tale periodo “continuo” implica che i richiedenti non si sono assentati di Malta per più di sei mesi l’anno. Durante il suddetto periodo di cinque anni, questi individui devono essere stati lavoratori subordinati o autonomi, studenti o economicamente autosufficienti.

Cittadini di paesi terzi

I criteri di qualificazione per la residenza ordinaria a Malta nei confronti di cittadini di paesi terzi variano da quelle applicabili ai cittadini UE/SEE/svizzeri. Di seguito elenchiamo alcune di queste possibilità.

(1) Impiego

È necessario un permesso di lavoro per i cittadini non UE/SEE/svizzeri per lavorare a Malta. Questo viene rilasciato se si soddisfano determinati criteri. I richiedenti qualificati nel settore dei servizi finanziari e dell’informatica sono ricercati, e quindi può essere più facile per queste persone ottenere un permesso di lavoro.

(2) Lavoro autonomo

Per essere qualificati a presentare una richiesta come lavoratore autonomo, un cittadino di un paese terzo deve soddisfare almeno uno dei seguenti criteri:

– Investire in spese in conto capitale a Malta per almeno € 100.000 entro sei mesi dalla data in cui è rilasciato il titolo di lavoro. Gli investimenti sono esclusivamente costituiti da immobilizzazioni (come gli immobili, impianti e macchinari) utilizzati ai fini commerciali che si riflettono nel piano economico e finanziario aziendale presentato con la richiesta. I contratti di affitto non si qualificano. Allo stesso modo, le spese, quali gli stipendi e le spese legali non possono essere pagati dai €100.000 investiti a titolo di investimento minimo;

– Essere innovatori altamente qualificati con un solido piano economico e finanziario aziendale (da presentare con la richiesta), che s’impegnano ad assumere almeno tre cittadini SEE/svizzeri/maltesi entro diciotto mesi dalla loro costituzione;

– Essere l’unico rappresentante di una società estera (con una solida reputazione e stabilità da almeno tre anni all’estero) che desidera aprire una filiale a Malta;

– Essere una persona che conduce un progetto che è stato formalmente approvato dalla Malta Enterprise e formalmente notificato da quest’ultima all’ETC.

Le richieste contenenti un fermo impegno ad assumere cittadini SEE/svizzeri/maltesi come parte del loro personale saranno prese in considerazione in modo favorevolmente agevolato.

(3) Azionisti/Beneficiari effettivi di una società residente a Malta

Al fine di richiedere la residenza a Malta ai sensi del presente motivo, uno dei seguenti criteri deve essere soddisfatto dal cittadino di un paese terzo:

– Avere un capitale sociale non inferiore a € 100.000 interamente versato, il quale non può essere riscattato, ridotto o trasferito a terzi durante i primi due anni successivi al rilascio del Permesso di Lavoro;

– Una spesa in conto capitale di almeno € 100.000, che deve essere utilizzata dalla società. La spesa in conto capitale è esclusivamente costituita da immobilizzazioni (come gli immobili, impianti e macchinari) utilizzati ai fini commerciali che si riflettono nel piano economico e finanziario aziendale presentato con la richiesta. I contratti di affitto non si qualificano;

– La società conduce un progetto che è stato formalmente approvato dalla Malta Enterprise e formalmente notificato da quest’ultima all’ETC.

Le richieste contenenti un fermo impegno ad assumere cittadini SEE/svizzeri/maltesi come parte del loro personale saranno prese in considerazione in modo favorevolmente agevolato.

Nei casi in cui un amministratore non sia un azionista, la richiesta non ha bisogno di soddisfare i criteri di cui sopra, tuttavia, sarà processata da un punto di vista del mercato del lavoro. Molti aspetti sono coinvolti nella considerazione del mercato del lavoro, tra cui la situazione nazionale in materia di eccedenze o mancanze per l’attività e il settore in questione, il livello di abilità, esperienza e adeguatezza complessiva del cittadino del paese terzo per la posizione in questione.

(4) Residenza di lungo periodo per i cittadini di paesi terzi

La residenza di lungo periodo può essere concessa a individui che risiedono legalmente a Malta ininterrottamente per cinque anni. Con “ininterrottamente” s’intende che tali individui non devono essere stati assenti da Malta per più di sei mesi consecutivi in un dato anno di detto periodo di cinque anni e inoltre, non devono essere stati assenti da Malta per più di un totale di dieci mesi durante questo periodo di cinque anni.

Inoltre, un cittadino di un paese terzo che ha ottenuto la residenza di lungo periodo in un altro Stato Membro dell’UE, può risiedere a Malta, per un periodo superiore a tre mesi, per l’esercizio di un’attività economica in qualità di lavoratore subordinato o autonomo, a condizione che tale persona abbia un permesso di lavoro, per motivi di studio o formazione professionale, o sia impegnato in altre attività simili.

Un cittadino di un paese terzo al quale è stato concesso lo status di residente di lungo periodo a Malta gode di pari trattamento di un cittadino maltese in termini di accesso al lavoro subordinato o autonomo, condizioni di lavoro e istruzione, tra le altre cose.

(5) Residenza temporanea per motivi di studio

La residenza temporanea è concessa per l’intero periodo di formazione agli studenti che seguono un corso di studio riconosciuto in un’Istituzione privata o presso l’Università di Malta. Se lo studente è minorenne, il suo tutore legale può richiedere la residenza a Malta per accompagnarlo/la. Tale persona deve confermare che lui o lei è titolare di reddito stabile e regolare e ha un luogo adatto per vivere.

(6) Soci

I soci stranieri di cittadini maltesi hanno la possibilità di richiedere la residenza a Malta se possono dimostrare di avere un reddito regolare e stabile di almeno €8.885, e che il loro rapporto esiste da almeno due anni. Nel caso in cui la società esista da cinque anni, si rilascerà un permesso di soggiorno per tre anni.

(7) Membri della famiglia

Un cittadino di un paese terzo che risiede legalmente a Malta ha il diritto di chiedere il ricongiungimento dei membri della sua famiglia, in particolare i coniugi a partire dei 21 anni di età, e i figli minorenni non sposati di età inferiore ai 18 anni. Tale diritto è dato al cittadino di paesi terzi, se lui/lei ha una fondata prospettiva di residenza permanente a Malta, ha una sistemazione soddisfacente per la famiglia, e dispone di risorse stabili e regolari equivalenti al salario medio di Malta e un’aggiunta del 20 per cento del salario medio per ogni membro della famiglia. Inoltre, il cittadino di un paese terzo che vuole ricongiungere la sua famiglia, deve aver risieduto a Malta per almeno due anni. La famiglia riunita avrà le stesse possibilità di lavoro e di studio del richiedente. Una volta che la famiglia ha risieduto a Malta per cinque anni, i membri della famiglia avranno diritto a un permesso di soggiorno autonomo.

I cittadini di paesi terzi che non soddisfano le condizioni di cui sopra e sono legalmente residenti a Malta possono comunque presentare una richiesta di permesso di soggiorno per i loro familiari, poiché ogni caso è considerato per i propri meriti per quanto riguarda il reddito del sostenitore, la durata del soggiorno e la natura del rapporto di lavoro .

(8) Residenza temporanea

Le autorità maltesi potranno concedere ai cittadini di paesi terzi un permesso di soggiorno a Malta per un periodo superiore a tre mesi, valutando caso per caso, in funzione dello scopo per il quale viene fatta una richiesta.

Il reddito estero e gli utili delle persone che soggiornano a Malta temporaneamente senza alcuna intenzione di stabilire qui la loro residenza e che non hanno risieduto a Malta per un periodo superiore a sei mesi in un anno solare, non saranno tassati a Malta, siano essi rimessi a Malta o no. Sono assoggettate a imposta a Malta esclusivamente sui redditi e le plusvalenze di provenienza maltese.

Imposta sul reddito

Le persone che abitualmente risiedono, ma non sono domiciliate a Malta, sono soggette all’imposta sul reddito sulle entrate e le plusvalenze realizzate a Malta, e sui redditi ricavati all’estero, ma ricevuti a Malta. Nessuna imposta è esigibile sulle plusvalenze di fonte estera, anche se queste plusvalenze sono rimesse a Malta. L’imposta sul reddito delle persone fisiche è addebitato ad aliquote progressive d’imposta fino ad un massimo del 35 per cento, come illustrato dalle seguenti tabelle:

ALIQUOTA PER LE PERSONE SINGLE

Reddito Imponibile €

Aliquota %

Detrazione €

0-8.500

0

0

8.501-14.500

15

1.275

14.501-19.500

25

2.725

19.501-60.000

29

3.505

60.001 e più

35

7.105

ALIQUOTA PER LE PERSONE SPOSATE

Reddito Imponibile €

Aliquota %

Detrazione €

0-11.900

0

0

11.901-21.200

15

1.785

21.201-28.700

25

3.905

28.701-60.000

29

5.053

60.001 e più

35

8.653

ALIQUOTA PER I GENITORI

Reddito Imponibile €

Aliquota %

Detrazione €

0-9.800

0

0

9.801-15.800

15

1.470

15.801-21.200

25

3.050

21.201-60.000

29

3.898

60.001 e più

35

7.498

Al fine di beneficiare di questo calcolo, un genitore deve soddisfare le seguenti condizioni:

  1. lui/lei abbia la custodia o paghi gli assegni di mantenimento (stabiliti o autorizzati dal tribunale) del proprio figlio;

  2. il figlio non deve avere più di 18 anni, o non più di 21 anni se studia a tempo pieno in un istituto di istruzione superiore;

  3. il suddetto figlio non percepisce un reddito superiore a € 2.400 da attività professionale.

Attualmente ci sono discussioni fra i gruppi interessati per ridurre il tasso d’imposta del 29 per cento, al 25 per cento a partire dal 2015.

SCHEMA DI INDIVIDUI CON UN PATRIMONIO NETTO ALTO 2011 PER I CITTADINI UE/SEE/SVIZZERI

Proprietà

I richiedenti sono tenuti a possedere una Partecipazione Qualificata di Proprietà, avendo acquistato la proprietà maltese dopo il 1 gennaio 2011 per un valore non inferiore a € 400.000. Detta proprietà deve servire come dimora abituale del richiedente e di eventuali familiari al seguito. In alternativa, il richiedente può scegliere di affittare una proprietà a Malta per non meno di € 20.000 l’anno.

Tale partecipazione qualificata di proprietà non può essere affittata o sub-affittata.

Risorse finanziarie e assicurative

Il richiedente deve inoltre essere in possesso di risorse stabili e regolari sufficienti per mantenere se stesso/a, nonché ogni persona a carico che lo accompagnano. I richiedenti devono quindi essere economicamente autosufficienti e, sia il richiedente sia gli eventuali persone a carico, devono essere in possesso di un’adeguata assicurazione sanitaria che copre il territorio dell’UE. La persona deve soddisfare un “test di rispettabilità e onestà” al fine di ottenere un permesso di questo tipo.

Imposta sul reddito

Un’aliquota fissa del 15 per cento è applicata al reddito estero rimesso a Malta con la possibilità di chiedere l’esenzione dalla doppia imposizione. La tassa minima annuale ammonta a € 20.000 con un’aggiunta di € 2.500 per dipendente, dopo aver richiesto l’esenzione dalla doppia imposizione. I redditi ottenuti a Malta saranno tassati, massimo al 35 per cento. Un beneficiario di questo schema e il suo coniuge non possono scegliere un calcolo fiscale separato. Un beneficiario è inoltre soggetto alla liquidazione di pagamenti fiscali provvisori.  Gli importi minimi d’imposta sopra indicati, non sono rimborsabili, e l’imposta minima per il primo anno sarà pagabile entro, e non oltre, la data di dichiarazione dei redditi e non saranno soggetti a pagamenti fiscali provvisori.

Ingresso e soggiorno a Malta

 La persona che richiede un Regime di residenza per individui con un patrimonio netto alto che dichiara nella richiesta che egli non intende diventare un residente di lungo periodo di Malta non può restare più di 9 mesi in un anno calendario a Malta. Detta persona dovrà lasciare Malta per un periodo minimo di 3 mesi in un anno calendario, e non sarà ammissibile per lo status di residente a lungo termine. In tali casi, il richiedente non ha bisogno di stipulare un Contratto di Qualificazione per beneficiare delle regole del Regime di residenza per individui con un patrimonio netto alto. Tuttavia, nel caso che un richiedente dichiari che intende diventare residente maltese di lungo periodo nel modulo di richiesta, tale individuo dovrebbe avere un Contratto di Qualificazione. Detto Contratto deve essere nel formato richiesto dal Ministro, nel quale è previsto un contributo al Governo di Malta per un importo di €500.000.

E’ importante notare che lo status fiscale speciale garantito dal Regime di residenza per individui con un patrimonio netto alto non garantisce al beneficiario il diritto di entrare, soggiornare e risiedere a Malta, in qualsiasi momento per tutta la durata di tale status. Tuttavia, in base a tale status, si sarebbe in grado di applicare per la documentazione d’immigrazione appropriata.

Requisiti minimi di soggiorno

I richiedenti non possono trascorrere più di 183 giorni in qualsiasi altra giurisdizione.

Tassa di registrazione

Un’unica tassa di registrazione di € 6.000 è richiesta dal governo di Malta. I titolari del permesso possono anche esercitare un’attività economica a Malta.

Dichiarazione dei redditi annuale

Un individuo che trae beneficio da questo status fiscale speciale deve presentare una dichiarazione dei redditi annuale che dovrebbe contenere tutte le modifiche significative che riguardano lo status fiscale speciale del beneficiario.

Presentazione delle richieste

La richiesta per ottenere lo status fiscale speciale sulla base del Regime di residenza per individui con un patrimonio netto alto può essere presentata soltanto al Direttore Generale attraverso i servizi di una persona che si qualifica come Authorised Registered Mandatory, registrato come tale con il Direttore Generale sotto il regolamento del Regime di residenza per individui con un patrimonio netto alto. EMD quale Authorised Registered Mandatory, può aiutarvi con la vostra richiesta di residenza nell’ambito di tale regime, nonché al riguardo di qualunque requisito d’imposta e di legge.

IL GLOBAL RESIDENCE PROGRAMME 2013 PER I CITTADINI UE/SEE/SVIZZERI

Il Global Residence Programme (Programma di Residenza maltese), introdotto nel luglio 2013, è un nuovo piano di residenza che conferisce uno statuto fiscale speciale ai cittadini di paesi terzi (esclusi i cittadini SEE e svizzeri) a Malta. I candidati devono soddisfare certe condizioni compresa l’acquisizione o l’affitto di beni immobili qualificati situati a Malta o Gozo e il pagamento di un’imposta minima annua.

Imposta sul reddito

Un tasso forfettario del 15% è applicato al reddito di fonte estera rimesso a Malta, soggetto a una tassa minima annuale di €15.000, previo lo sgravio di qualsiasi doppia imposizione. Nessuna imposta aggiuntiva sarà applicata alle persone che accompagnano i beneficiari. Qualsiasi reddito proveniente da Malta, a sua volta, sarà imponibile ad un tasso del 35%.

Proprietà

I richiedenti sono tenuti ad acquistare o affittare beni immobili a Malta o a Gozo, detta proprietà deve essere occupata esclusivamente dal richiedente, i suoi familiari ed eventuali assistenti speciali che lo accompagnano. Il suo valore di acquisto non deve essere inferiore a €220.000 se è situato nel sud di Malta o a Gozo, o non inferiore a €275.000 se è situato in qualsiasi altro luogo di Malta.

Se il richiedente sceglie di affittare la proprietà, le soglie annuali sono fissate a un minimo di €8.750 per una proprietà situata nel sud di Malta o in Gozo e €9.600 per una proprietà situata in qualsiasi altro luogo di Malta.

L’immobile così acquistato o affittato deve essere la residenza principale del richiedente e il suo luogo abituale di dimora nel mondo e non può essere affittata o sub-affittata.

Altre condizioni

I richiedenti di questo Programma, e le persone a loro carico, non possono essere già beneficiari, a Malta, di qualsiasi altro programma di residenza. I richiedenti devono essere in possesso di risorse finanziarie stabili e regolari.

Qualora un beneficiario richieda un accompagnatore speciale per occuparsi di lui / lei a Malta, detti badanti devono essere individui che hanno un rapporto di lavoro con il beneficiario da almeno due anni prima della presentazione della domanda per lo status di GRP (Programma di residenza globale).

Sebbene non vi sia alcun obbligo per un beneficiario di passare un numero minimo di giorni a Malta, è da notare che i beneficiari nell’ambito del programma non dovranno passare più di 183 giorni in un anno solare in qualsiasi altra giurisdizione.

Infine, i candidati devono superare un test di rispettabilità e onestà come stabilito dalle autorità maltesi e devono essere in possesso di un documento di viaggio valido.

Qualora il titolare del permesso muoia, lo status fiscale sarà trasferito a una persona a carico del beneficiario defunto che abbia ereditato il bene immobile di qualifica o abbia affittato il bene immobile subito dopo la morte del beneficiario. Tale status sarà trasferito una volta si sia dimostrato che la suddetta persona a carico ha soddisfatto tutti i requisiti per mantenere lo status di GRP.

Presentazione delle domande

I candidati per il GRP sono tenuti a presentare la relativa domanda tramite un Authorised Registered Mandatory (ARM). EMD è autorizzata come ARM e può aiutare in tutto il processo di richiesta dello status.

La richiesta deve essere presentata insieme a una tassa amministrativa non rimborsabile di €6000 da pagare alle autorità maltesi (si pagherà una quota di €5,500 nel caso il beneficiario acquisisca o affitti beni immobili situati a Gozo o nel sud di Malta).

LE NORME DEL PIANO DELLE PENSIONI MALTESE 2012

Il Regolamento del Piano Pensionistico maltese 2012 applicabile ai pensionati, introduce un nuovo programma fiscale che conferisce uno status fiscale speciale ai cittadini dell’UE/SEE/Svizzera, con l’esclusione dei cittadini maltesi.

Imposta sul reddito

I beneficiari hanno il diritto di pagare le tasse a un’aliquota forfettaria del 15 per cento sul reddito di fonte estera ricevuto a Malta, da loro o persone a loro carico, con un titolo d’imposta minimo di € 7.500, con un supplemento di € 500 per ogni dipendente e assistente speciale, se presente. Il regime conferisce anche il diritto di chiedere l’esenzione dalla doppia imposizione. Qualsiasi reddito proveniente da Malta, a sua volta, sarà imponibile a un tasso del 35 per cento.

Proprietà

Il suddetto programma richiede ai suoi richiedenti, denominati pensionati, di acquistare o affittare un immobile a Malta o a Gozo, detta proprietà deve essere occupata esclusivamente dal richiedente, i suoi familiari ed eventuali assistenti speciali che lo accompagnano. La proprietà in questione deve essere stata acquistata per un valore non inferiore a € 275.000 se situata Malta, o € 250.000 se si trova a Gozo. I canoni d’affitto sono fissati ad un minimo di € 9.600 all’anno per una proprietà situata a Malta, e € 8.750 all’anno per una proprietà situata a Gozo. Questi beni devono servire come luogo abituale di dimora del richiedente nel mondo.

Rimesse a Malta

Inoltre, al fine di poter applicare per questo Piano, l’intero importo della pensione deve essere ricevuto a Malta, detta pensione deve costituire almeno il 75 per cento del reddito imponibile del beneficiario. I richiedenti e le persone che lo accompagnano devono anche essere coperti da una polizza assicurativa sanitaria, che fornisca una copertura per tutti i rischi di norma coperti per i cittadini maltesi in tutta l’UE.

Altre condizioni

I beneficiari di questo Piano devono essere domiciliati all’estero, e non dovrebbero avere l’intenzione di stabilire il loro domicilio a Malta entro 5 anni dalla data della richiesta di tale Piano. Inoltre, i richiedenti non devono avere un lavoro, o beneficiare di un altro regime maltese che gli conferisca uno status fiscale speciale, e devono essere in possesso di un documento di viaggio valido.

I beneficiari di questo Piano hanno, comunque, il diritto di avere un posto non esecutivo nel consiglio di amministrazione di una società residente a Malta o partecipare ad attività connesse ad un’istituzione, trust o fondazione di carattere pubblico, o qualsiasi organizzazione o ente analogo, pur avendo natura pubblica, impegnati nella filantropia, l’educazione o nella ricerca e sviluppo che si svolgano a Malta.

Requisiti minimi di soggiorno

Un punto importante da notare è che i beneficiari di questo Piano devono passare più di 90 giorni per anno solare a Malta, in media su un periodo di 5 anni, e non possono restare più di 183 giorni in qualsiasi altra giurisdizione estera. Infine, i richiedenti devono superare un test di rispettabilità e onestà stabilito dalle autorità maltesi competenti.

I criteri di qualificazione di cui sopra devono essere rispettati su base annua. Pertanto, i beneficiari devono mantenere la loro proprietà o canone d’affitto secondo i requisiti di cui sopra ogni anno, rinnovare le pertinenti polizze di assicurazione sanitaria su base annua e rispettare i requisiti di soggiorno minimo, come spiegato sopra ogni anno che detengano detto status.

Presentazione delle domande

Si deve corrispondere una tassa d’iscrizione di € 2.500 alle autorità maltesi e le richieste possono soltanto essere compilate tramite i servizi di un Authorised Registered Mandatory. EMD, come ARM autorizzato, può aiutarvi durante l’intero processo di richiesta, nonché all’ottemperanza degli obblighi previsti dal Piano.

REGOLAMENTO PROFESSIONISTI ALTAMENTE QUALIFICATI

Tramite la Nota Legale 106 del 2011, intitolata: “Regolamento per i Professionisti Altamente Qualificati, 2011”, sono state emesse nuove regole in virtù delle quali le persone che percepiscono reddito da lavoro dipendente da una “carica idonea” saranno soggetti ad un’aliquota forfettaria d’imposta del 15 per cento sul loro reddito da lavoro invece delle aliquote progressive d’imposta che vanno fino ad un massimo del 35 per cento. La logica alla base della richiesta di tali norme è quella di attirare gli espatriati che lavorano in particolari settori di specializzazione e fargli trasferire a Malta, continuando così ad aumentare l’attrattiva di Malta come rispettabile centro servizi di eccellenza.

I redditi da lavoro dipendente provenienti da una “carica idonea” potranno beneficiare di un’aliquota ridotta del 15 per cento, se sono pari ad almeno € 75.000 l’anno. Nel caso in cui il reddito sia superiore a € 5 milioni, l’eccesso è esente da imposta. “Carica idonea” significa avere un rapporto di lavoro con una società autorizzata e/o riconosciuta dalla Malta Financial Services Authority (MFSA), concesso in licenza dalla Lotteries and Gaming Authority (LGA) o cariche idonee all’interno delle imprese che rientrano nell’ambito di competenza dell’Authority for Transport di Malta – TM (Autorità dei Trasporti a Malta), vale a dire le imprese in possesso di un certificato di operatore aereo (COA) rilasciato dalla TM o una licenza d’aeroporto rilasciata secondo quanto stabilito dall’Air Navigation Order. Le seguenti sono le cariche idonee:

MFSA1

LGA2

TM3

Chief Executive Officer (Amministratore delegato), Chief Risk Officer (Responsabile rischi operativi), Chief Financial Officer (Direttore finanziario), Chief Operations Officer (Direttore operativo) e Chief Technology Officer (Responsabile generale delle strategie tecnologiche);

Amministratore delegato, Responsabile rischi operativi, che comprende il Fraud and Investigations Officer (Responsabile per la lotta antifrode),

Direttore finanziario, Direttore operativo, Responsabile generale delle strategie tecnologiche e

Direttore commerciale;

Chief Executive Officer (Amministratore delegato), Chief Risk Officer (Responsabile rischi operativi), Chief Financial Officer (Direttore finanziario), Chief Operations Officer (Direttore operativo), che comprende l’ Aviation Accountable Manager (Dirigente responsabile dell’Aviazione) e Chief Technology Officer (Responsabile generale delle strategie tecnologiche);

Portfolio Manager (Gestore di portafoglio), Chief Investment Officer (Responsabile degli investimenti), Senior Trade/Trader, Senior Analyst (Analista senior), che comprende il Structuring Professional, Actuarial Professional (Attuario), Chief Underwriting Officer (Direttore di sottoscrizione), Chief Insurance Technical Officer (Direttore tecnico assicurativo);

Odds Compiler Specialist (Specialista ricezione scommesse), Head of Research and

Development (Responsabile ricerca e sviluppo), che comprende Search Engine Optimisation and

Systems Architecture;

Aviation Continuing Airworthiness Inspector (Ispettore per l’aeronavigabilità continua), Aviation Flight Operations Inspector (Ispettore delle operazioni di volo), Aviation Training Manager (Esperto di formazione aeronautica) and Aviation Ground Operations Manager (Supervisore delle attività aeronautiche a terra)

Head of Marketing (Direttore marketing) e Head of Investor Relations (Responsabile dei rapporti con gli investitori);

Head of Marketing (Direttore marketing) compreso il Head of Distribution Channels (Responsabile dei canali di distribuzione); e Head of Investor Relations (Responsabile dei rapporti con gli investitori);

Head of Marketing (Direttore marketing)

Le condizioni che devono essere soddisfatte affinché il professionista possa beneficiare del tasso ridotto d’imposta del 15 per cento sono le seguenti:

  • L’individuo produce reddito da lavoro dipendente che è soggetto ad imposta a Malta relativo a lavoro svolto a Malta o relativo a qualsiasi periodo trascorso al di fuori di Malta che sia collegabile a detto lavoro;

  • L’individuo è in possesso delle qualifiche professionali e ha almeno cinque anni di esperienza;

  • L’individuo non ha beneficiato di eventuali altre detrazioni disponibili per i servizi d’investimento per gli emigrati;

  • Il contratto di lavoro è soggetto alle leggi maltesi ai fini dello svolgimento di un lavoro reale ed effettivo;

  • L’individuo, nella sua dichiarazione dei redditi maltese, dichiara pienamente tutti i redditi derivanti dal suo contratto di lavoro;

  • L’individuo non è domiciliato a Malta.

Tutti i diritti saranno revocati con effetto retroattivo se l’individuo è cittadino di paesi terzi e comunque rimane fisicamente a Malta, nel loro complesso, per più di quattro anni, o direttamente o indirettamente acquisisce qualsiasi bene immobile, compresi i relativi diritti, situato a Malta.

L’aliquota ridotta d’imposta si applica per un periodo consecutivo di cinque anni per i cittadini SEE e svizzeri e per un periodo consecutivo di quattro anni per gli altri cittadini. Le persone che sono state assunte prima dell’1 gennaio 2009 con un contratto di lavoro che richiede di essere svolto a Malta non possono beneficiare dell’aliquota forfettaria del 15 per cento.

ESPATRIATI QUALIFICATI NELLO SVILUPPO DI PRODOTTI DIGITALI A MALTA

Con effetto dal 1° gennaio 2012, uno schema simile a quello del Regolamento per i Professionisti Altamente Qualificati, è stato introdotto per gli espatriati che lavorano a Malta nello sviluppo di prodotti digitali, che possono beneficiare di un’aliquota ridotta d’imposta del 15%. Questo schema è applicabile alle persone che sono direttamente impegnate nello sviluppo di prodotti digitali innovativi e creativi. Le cariche idonee specifiche sono: Chief Executive Officer (Amministratore Delegato), Chief Technical Officer (Direttore Tecnico), Chief Creative Officer (Direttore Creativo), Head of Writing (Responsabile della scrittura), Lead in-World writer, Lead Game Programmer (Capo programmatore di videogiochi), Software Engineering Director (Direttore dell’ingegneria del software), Game Developer (Sviluppatore di videogiochi), Director of Online Community (Direttore di comunità online), Head of Art Design and Visualisation (Capo di Art Design e visualizzazione), Art Director (Direttore Artistico), Digital Artist (Artista Digitale), Direttore Commerciale (Licensing Digital), Responsabile del Game Design, Game Director, Game Designer, Audio Director (Direttore Audio), Video Director (Direttore video), Produttore e Responsabile Marketing.

Le persone che beneficiano di redditi da lavoro dipendente da una qualsiasi delle suddette “cariche idonee” saranno soggette a una aliquota fissa d’imposta del 15 per cento del loro reddito da lavoro al posto delle aliquote progressive d’imposta che arrivano ad un massimo di 35 per cento.

Il reddito da lavoro dipendente da una carica idonea potrà beneficiare di un’aliquota ridotta del 15 per cento, se ammonta ad almeno € 45.000 l’anno. Nel caso in cui il reddito sia superiore a € 5 milioni, l’eccesso è esente da imposta.

Los schema si applica per un periodo consecutivo di fino a tre anni per i cittadini SEE e svizzeri nonché i cittadini di paesi terzi .

GLI INDIVIDUI ALTAMENTE QUALIFICATI CHE RITORNANO A MALTA PER LAVORO

Qualunque individuo, affermato in un settore di eccellenza, che ritorna a Malta come residente ordinario per lavorare a Malta può beneficiare di un’aliquota ridotta d’imposta del 15 per cento sul reddito da lavoro subordinato svolto a Malta. L’individuo deve essere stato abitualmente residente a Malta per almeno venti anni. Inoltre, detto individuo non deve essere stato abitualmente residente a Malta per i dieci anni consecutivi prima del suo ritorno.

SGRAVIO DALLA DOPPIA IMPOSIZIONE

I Residenti Permanenti sono protetti dal regime delle convenzioni sulla doppia imposizione, intese ad evitare che le imposte non siano mai versate due volte sul medesimo reddito in paesi differenti. Malta ha firmato diversi accordi sulla doppia imposizione. Gran parte delle convenzioni seguono il modello dell’OCSE e lo sgravio viene effettuato con il metodo del credito per l’imposta estera pagata. Dove non c’è accordo sulla doppia imposizione, è disponibile lo sgravio unilaterale, che realizza in gran parte lo stesso risultato.

IMPOSTA SUI DOCUMENTI DI SUCCESSIONE

A Malta non si pagano imposte di successione. Comunque, una tassa su documenti e trasferimenti è dovuta dagli eredi del defunto o l’acquirente di un bene immobile situato a Malta, e in occasione dell’eredità o l’acquisto di partecipazioni in società maltesi.

Ciononostante, nessuna tassa è dovuta su tali trasferimenti di azioni realizzati dagli azionisti nelle società commerciali che hanno interessi oltre il novanta per cento fuori Malta. Allo stesso modo un’esenzione dalle tasse sui trasferimenti di azioni nelle holding esiste quando oltre la metà del capitale azionario ordinario, dei diritti di voto e dei diritti sui profitti sono in mano a soggetti non residenti a Malta. L’aliquota è pari al cinque per cento nel caso di proprietà immobiliare e partecipazioni in società immobiliari (come definito), e al due per cento nel caso delle azioni.

ACQUISTO DI PROPRIETÀ IMMOBILIARE

Gli stranieri hanno piena facoltà di acquistare fino ad una sola proprietà immobiliare a Malta, stante l’ottenimento di un permesso di Acquisizione di Proprietà Immobiliare. Tale limite non è applicabile a proprietà ubicate in Zone Speciali e nel caso di cittadini dell’UE che non sono stati residenti a Malta per almeno cinque anni nei confronti d’immobili in cui si ha la residenza principale. Cittadini dell’UE che hanno vissuto a Malta su base permanente per almeno cinque anni hanno la facoltà di acquistare qualsiasi numero di proprietà immobiliari a Malta.

Se uno dei coniugi è cittadino UE e l’altro coniuge è un cittadino extracomunitario, entrambi possono altresì beneficiare dell’esenzione di cui sopra e di acquisire proprietà senza la necessità di ottenere un permesso per l’acquisizione di proprietà immobiliari (AIP), a condizione che l’acquisto sia stato fatto per stabilire ivi la loro residenza principale.

E’ esclusa anche l’acquisizione di beni immobili da parte di un cittadino dell’UE per lo svolgimento della propria attività di lavoro o per la fornitura di servizi da parte di tale persona. In tal caso, una dichiarazione che riflette l’intenzione dell’acquirente per l’acquisizione dovrebbe essere inserita nel relativo contratto di acquisto.

Se l’acquirente richiede un permesso per l’acquisizione di proprietà immobiliari (AIP), la proprietà deve soddisfare un certo valore minimo che cambia periodicamente.

IMPORTAZIONE DI MOBILIO E ARREDI VARI

Qualunque persona può importare a Malta i suoi oggetti di casa e mobili esenti da IVA e dazi doganali. Ai residenti che sono cittadini di paesi terzi, potrebbe essere richiesto dalle autorità doganali di effettuare un deposito o fornire una garanzia bancaria pari all’importo dell’IVA/dazio in questione. Verificata la permanenza cumulativa di 200 giorni nell’arco di un periodo di 365 giorni, il deposito verrà restituito.

Informazione aggiornata al 31 gennaio 2014

1 Con effetto a partire dal 1 gennaio 2011

2 Con effetto a partire dal 1 gennaio 2010

3 Con effetto a partire dal 1 gennaio 2012

Further information may be obtained from one of our leading experts by contacting us below:

Your Name (required)

Your Email (required)

Subject

Your Message

 Yes, I would like to receive EMD's newsletter with information regarding legal developments and new services.

To help us fight spam, please enter the verification code below:
captcha